Australian people can buy antibiotics in Australia online here: http://buyantibioticsaustralia.com/ No prescription required and cheap price!

Il mal di montagna

IL MAL DI MONTAGNA
Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a
prescrizioni né a consigli medici
Lo scopo di questo articolo è quello di riassumere quali sono le conseguenze più comuni sul nostro organismo dell’alta quota e come è possibile evitare le forme più pericolose e maligne del mal di montagna.
Data l’estensione dell’argomento da trattare, si è deciso di organizzare i vari aspetti per capitoli allo scopo di descrivere nel modo più preciso possibile sia i meccanismi in gioco che i sintomi del male di montagna.
- L’alta quota ed i suoi effetti sul corpo umano- Il processo di acclimatazione- Come migliorare l’acclimatazione (e prevenire il mal di montagna)- Classificazione del “Male di montagna”- AMS (Acute Mountain Sickness) Mal di Montagna Acuto- HACE (High Altitude Cerebral Edema) Edema cerebrale d'Alta Quota- HAPE (High Altitude Pulmonary Edema) Edema Polmonare d'Alta Quota- Il DIAMOX- Le regole d'oro L’alta quota ed i suoi effetti sul corpo umano
Cominciamo con una classificazione delle altitudini:
- Alta quota: 1500 - 3500 m
- Altissima quota: 3500 - 5500 m
- Altitudine estrema: oltre i 5500 m
In termini pratici generalmente non si prendono in considerazioni altitudini inferiori ai 2500 m.
Sulla base alle attuali conoscenze possiamo dire che la soglia significativa è quella dei 3000/3500 m, quota alla quale la maggior parte degli escursionisti e alpinisti alpini sono abituati.
E’ da sottolineare, però, che la reazione dell’organismo umano all’altezza è soggettiva.
Soggetti diversi hanno differente suscettibilità al mal di montagna.
Per alcuni soggetti i sintomi iniziano a comparire al di sopra dei 1500 m. La velocità di ascensione, l'altitudine raggiunta, l'entità dell'attività fisica ad alta quota e la suscettibilità individuale sono tutti fattori che contribuiscono all'incidenza e alla severità del mal di montagna.
In alta montagna, l'ossigeno presente nella miscela gassosa (il 21% di ossigeno) che compone l'aria che respiriamo è presente nella stessa percentuale di quella al livello del mare. Cambia però la pressione parziale, e si riduce notevolmente con l'aumentare della quota. È questo il motivo per il quale al nostro organismo arriva un apporto di ossigeno insufficiente (ipossia ipobarica).
La pressione parziale di ossigeno nell’aria infatti decade in modo direttamente proporzionale all’aumento della quota, risentendo solo marginalmente della temperatura e dell’umidità dell’aria.
La pressione parziale di ossigeno nell’aria passa infatti da circa 160 mmHg a livello del mare a circa 110 mmHg a 3000 m, portando la saturazione di ossigeno nel sangue da 98% al 90%.
A quote comprese tra i 5-6000 m la pressione parziale di ossigeno scende a 80 mmHg e sulla cima della vetta più alta del mondo, il monte Everest a oltre 8800 m, la pressione parziale di ossigeno è meno di un terzo (circa 50 mmHg) rispetto a quella presente a livello del mare e la saturazione di ossigeno nel sangue precipita al 25%.
Il corpo umano pertanto è chiamato a rilevanti adattamenti sia respiratori che cardiovascolari e metabolici per consentire la sopravvivenza in quota.
Seppure con una grande variabilità individuale tali adattamenti possono non essere adeguati e produrre di conseguenza quei sintomi tipici delle patologie correlate alla quota.
Alcuni normali e fisiologici cambiamenti avvengono in ogni persona che vada in quota:- Iper-ventilazione (respiro più veloce, più profondo o entrambi)- Respiro "corto" durante lo sforzo- cambiamenti nel ritmo respiratorio notturno- frequenti sveglie notturne- aumento delle urine.
Il processo di acclimatazione
Vediamo ora di descrivere in modo più particolareggiato ogni singolo effetto.
La salita oltre i 2000 metri d’altitudine, comporta delle modificazioni fisiologiche nell’organismo, definite
acclimatazione”.
Queste variazioni occorrono a carico dei seguenti apparati:
Respiratorio: la presenza di una minore concentrazione d’ossigeno (ipossia) in alta montagna, è compensata da un
incremento della profondità del respiro e della frequenza respiratoria (iper-ventilazione). La comparsa di un lieve stato di affanno durante l’esecuzione di uno sforzo fisico e una condizione normale.
Cardiaco: il cuore, come risposta all’ipossia, aumenta la frequenza dei battiti e il volume di sangue pompato (portata cardiaca). Questo meccanismo di compenso, fornisce una maggiore quantità di sangue ossigenato ai tessuti periferici. L’aumento della portata cardiaca si riduce nei giorni seguenti senza tornare, però, agli stessi valori presenti a livello mare.
Ematopoietico: l’aumento dei globuli rossi iniziale è legato alla contrazione della milza, ma se il soggiorno si protrae qualche settimana è attivato il processo di produzione degli eritrociti, chiamato “eritropoiesi”. Per compensare il minor apporto di ossigeno ad ogni respiro si è costretti a respirare più velocemente e più profondamente e con lo sforzo questo si fa più evidente, per esempio camminando in salita. Restare senza fiato è normale fintanto che, con il riposo, si riprende una respirazione normale.
L'aumento della frequenza respiratoria è di fondamentale importanza e va assolutamente evitato qualunque fattore che lo deprima. Chi è in quota e soprattutto chi ha sintomi di mal di montagna deve evitare assolutamente: - alcool- sonniferi- antidolorifici se non in dosi minime La respirazione periodica consiste in cicli di respirazione normale che gradualmente rallenta fino ad una breve apnea che può durare 10-15 secondi. Può migliorare leggermente con l'acclimatazione ma non scomparirà fino alla discesa a quote "normali". Questo non è mal di montagna.
Nonostante questi meccanismi compensativi è comunque impossibile ripristinare i normali livelli di ossigeno nel sangue in alta quota.
La frequenza respiratoria accelerata e protratta nel tempo è causa di una riduzione dell'anidride carbonica, il rifiuto metabolico della respirazione che viene espulso dai polmoni. La presenza oltre certi limiti dell'anidride carbonica nel sangue è il segnale al cervello che innesca l'atto respiratorio e se questa è bassa l'automatismo della respirazione non parte (la mancanza di ossigeno è un segnale molto più debole che agisce solo come valvola di sicurezza). Fintanto che si è svegli non è difficile avere una respirazione cosciente, ma di notte si instaura un anomalo ritmo respiratorio dovuto all'alternarsi di questi due segnali contrastanti.
Ne risulta un innalzamento dell'ematocrito (concentrazione dei globuli rossi) e forse una maggiore capacità di trasporto dell'ossigeno e un'opposizione alla tendenza alla formazione dell'edema.
E' normale in quota urinare più del normale, se non è così vuol dire che vi state disidratando o che non vi state acclimatando a dovere.
Come migliorare l’acclimatazione (e prevenire il mal di montagna)
Una volta superati i 3.000 metri la gran parte degli scalatori d'alta quota seguono la "regola aurea":
cammina in alto, dormi in basso.
Per gli scalatori d'alta quota, il modo per acclimatarsi consiste nello stare per alcuni giorni al campobase, arrampicarsi (lentamente) fino a un campo più alto, starvi inizialmente per una notte, quindi tornare al campo base. Questo procedimento viene ripetuto alcune volte, aumentando ogni volta il tempo trascorso a quota più elevata, così da abituare il corpo ai livelli di ossigeno.
Una volta che lo scalatore si è abituato a tale altitudine, il processo viene ripetuto con un campo posto a quota più alta. La regola generale e quella di non salire più di 500 metri al giorno per dormire.
Ciò significa che si può scalare passando da 3000 a 4500 metri in un giorno, ma si deve discendere fino a non più di 3500 per dormire (o dormire per due notti alla stessa altitudine se si è saliti di un’altezza doppia).
Questo processo non può essere accelerato, e ciò spiega perché gli scalatori devono passare giorni (o anche settimane a volte) per acclimatarsi, prima di tentare la scalata ad un'alta vetta.
I tempi di acclimatazione variano da persona a persona e non è possibile dare regole assolute ma in generale seguire le seguenti raccomandazioni è la maniera migliore di evitare l'insorgere di seri problemi: •passare una notte almeno sotto i 3000 m; •evitare assolutamente sforzi e affaticamenti nella fase di acclimatazione, anche se vi sentite in forma procedete al 50% delle energie disponibili;•oltre i 3000 metri non si dovrebbe salire di più di 500 m di dislivello al giorno; •ogni 1000 m passare due notti alla stessa quota; •l'ideale è dormire più in basso del punto massimo raggiunto durante il giorno.
Ciò non è sempre possibile, soprattutto nelle valli himalayane, il giorno di sosta diventa così di fondamentale importanza. Un'eventuale escursione leggera a quote superiori con rientro al punto di partenza nella giornata di "riposo" è una buona tattica Forti sconvolgimenti avvengono nella chimica del corpo e nel bilancio dei fluidi durante l'acclimatazione. Il centro osmotico che rileva la "concentrazione" del sangue reimposta i suoi parametri con il risultato che il sangue si fa più denso. Da ciò deriva una diuresi da altitudine, con i reni che espellono una maggior quantità di liquidi.
E’ consigliato bere più acqua del normale durante l’acclimatazione, con lo scopo di combattere la disidratazione indotta, sia dalla secchezza dell’aria, che dall’iper-ventilazione.
Una buona idratazione riduce l’insorgenza delle patologie legate all’aumento dei globuli rossi e alla conseguente maggiore viscosità del sangue. Sono molti, infatti, i casi di tromboflebiti degli arti inferiori che insorgono in alpinisti disidratati.
È talvolta possibile controllare un lieve mal di montagna prendendo volontariamente dieci o dodici ampi e rapidi respiri ogni cinque minuti. Se ciò viene strafatto, si può espellere troppa anidride carbonica provocando un formicolio alle estremità del corpo.
Diete ad alto contenuto di carboidrati possono fornire un sollievo sintomatologico. I carboidrati sono in grado di garantire un apporto di energia ed ossigeno maggiore di quanto non facciano i lipidi.
L'acetazolamide (Diamox) è di grande aiuto nel regolare i meccanismi respiratori e favorisce l’acclimatazione.
Classificazione del “Male di montagna”
Il mal di montagna è una patologia che può colpire sia gli escursionisti e gli alpinisti che salgono rapidamente e
soggiornano ad un’altitudine superiore ai 2500 metri sul livello del mare, sia coloro che direttamente in aereo,
raggiungono località poste ad alta quota, esempio La Paz (circa 4000 m.), Lhasa (3650 m.) o Cusco (3360 m.).
Le patologie correlate alla quota vengono distinte in acute e croniche in base alla durata dell’esposizione del corpo
umano all’ipossia ipobarica.
Le forme acute sono quelle più note in quanto tipiche dei soggetti (alpinisti, escursionisti, ecc) che vivendo
abitualmente a basse quote si recano per periodi limitati a quote elevate.
Rientrano nelle forme acute:
1.AMS (il male di montagna) acuto.
E una sindrome da mancato adattamento all’ipossia ipobarica, , compare dopo circa 6-18 ore.
E' caratterizzato da mal di testa, nausea, vomito e debolezza muscolare. Colpisce il 25% delle persone che salgono in alta quota utilizzando mezzi che consentano la salita veloce.
E’ la forma clinica più comune e benigna tra le patologie correlate all’esposizione all’ipossia ipobarica.
2.AMS (il male di montagna) subacuto.
Si riscontra in alpinisti che hanno trascorso un lungo periodo ad alta quota e non si sono acclimatati.
I sintomi sono stanchezza fisica e mentale, mal di testa, senso di peso toracico con fame di aria, insonnia, mancanza di appetito, dimagrimento, colorito cianotico e frequenti perdite di sangue dal naso. L’evoluzione di questa forma di mal di montagna è rappresentata dalla scomparsa dei sintomi o dal passaggio alla forma cronica.
3.AMS (il male di montagna) cronico.
E caratterizzato da sintomi simili alla forma subacuta ma più accentuati 4.HACE (Edema cerebrale d'Alta Quota).
L’edema cerebrale e l’emorragia retinica da alta quota sono caratterizzate dal “malfunzionamento” delle membrane
che separano i vasi sanguigni dal tessuto cerebrale e da quello retinico con conseguente edema e grave danno dei
tessuti
E’ caratterizzato da mal di testa violento, non trattabile con i comuni farmaci, sonnolenza, stanchezza, stato
confusionale, difficoltà a eseguire movimenti semplici come il camminare su una linea retta fino a perdita di
conoscenza e morte. Forma potenzialmente letale
5.HAPE (Edema Polmonare d'Alta Quota).
E' caratterizzato dal “malfunzionamento” delle membrane alveolari dei polmoni che consente il passaggio di liquido sieroso dal sangue all’interno dei polmoni con conseguente grave insufficienza respiratoria.
Compare dopo circa quattro giorni, in persone che sono salite rapidamente ai 4000 metri di quota.
La sintomatologia, caratterizzata da cianosi, tosse stizzosa, difficoltà di respirazione e emissione di un secreto
schiumoso e rosato per la presenza di sangue (espettorato rosato), è legata alla presenza di liquidi negli alveoli.
Forma potenzialmente letale.
La malattia cronica di montagna (detta anche “malattia di Monge”, dal nome dello studioso che nel 1925 ne segnalò i
primi casi in Perù), meno nota rispetto alle forme acute, è invece tipica delle popolazioni che vivono stabilmente a
quote elevate, come nelle regioni himalayane o in Sud-America, e presentano le conseguenze degli adattamenti cronici
all’ipossia ipobarica, di cui la più tipica è la policitemia (elevato numero di globuli rossi nel sangue).
E’ curioso ricordare che, poiché la policitemia inizia a manifestarsi già dopo alcune settimane di permanenza in quota,
molti atleti pianificavano in passato periodi di allenamento pregara in località di alta montagna per potenziare le
capacità di trasporto massimo di ossigeno da parte del sangue.
Di seguito verrà preso in considerazione principalmente l’AMS in quanto si tratta della forma più comune alle quote
europee ma paradossalmente anche quella meno nota.
Il male acuto di montagna (AMS)
L’AMS si caratterizza dalla comparsa dopo rapide ascensioni oltre i 2000 m di un insieme sintomatico tutto sommato
atipico (e quindi poco distinguibile da altre condizioni patologiche) con cefalea associata a nausea, vertigine, insonnia,
debolezza, ecc.
Proprio queste caratteristiche generiche ne hanno fatto sottostimare l’incidenza per molto tempo e solo recentemente è
divenuto evidente che al contrario l’AMS è una forma comune negli escursionisti ed alpinisti che frequentano quote tra
i 2000 ed i 3000 m.
Chiunque può cadere vittima del mal di montagna.
Questo è fondamentalmente legato alla fisiologia individuale (fattori genetici) e al ritmo di salita. Età, sesso,
allenamento o precedenti esperienze in quota non hanno effetti significativi, alcuni si acclimatano rapidamente e
possono salire veloci ed altri non riescono a star bene nonostante una lenta ascensione. Sfortunatamente non c'è ancora
la capacità di prevedere chi sia più soggetto al mal di montagna.
L’AMS compare di solito tra le 6 e le 12 ore dopo l’arrivo in quota e possono permanere anche per due e tre giorni (salvo che il soggetto non rientri a quote più basse prima).
Trattandosi di patologia connessa all’ipossia ipobarica, l’incidenza dell’AMS aumenta con la quota in modo direttamente proporzionale.
Si stima che l’AMS sia rara sotto i 2000 m aumentando la sua incidenza con l’aumentare della quota, portandosi verosimilmente tra il 10 e il 20% fino a 3000 m per superare il 30% per quote oltre i 3000 m.
Oltre i 5000 m/slm la maggior parte dei soggetti lamentano sintomi da AMS. Mentre è ormai noto che i sintomi dell`AMS sono riferibili a sofferenza cerebrale dovuta a vasodilatazione ed edema , i motivi che producono tali anomalie sono solo ipotizzati: anomalie del sistema di auto-regolazione della circolazione cerebrale, liberazione di mediatori chimici, disfunzione delle membrane della barriera emato-encefalica, ecc. L’evidente suscettibilità individuale che caratterizza peraltro tutte le forme di mal di montagna viene spiegata nella ridotta capacità in alcuni soggetti di incrementare la ventilazione polmonare come principale risposta all’esposizione acuta all’ipossia ipobarica.
E’ stato anche ipotizzato che una maggiore disponibilità di liquido cerebro-spinale possa proteggere, attraverso meccanismi di compenso idraulico all’interno della scatola cranica, dall’edema cerebrale e quindi dall`AMS. La diagnosiLa diagnosi dell`AMS è per ora esclusivamente clinica e correlata al riconoscimento dei sintomi.
Il primo sintomo, quasi onnipresente, di mal di montagna è la cefalea e quando uno o più dei seguenti sintomi l'accompagna, a seguito di una salita a quote superiori ai 2500 m, va diagnosticato Mal di Montagna Acuto (AMS):-perdita di appetito, nausea e/o vomito-fatica e/o debolezza-giramenti di testa e/o vertigini-difficoltà nel sonnoTutti questi sintomi possono variare dal blando al grave e il mal di montagna acuto è stato paragonato ad un brutto post-sbronza.
TerapiaIl trattamento dell`AMS, trattandosi di patologia benigna e auto-limitante, è soprattutto sintomatico.
Il semplice riposo alla stessa quota, con la somministrazione di liquidi e blandi analgesici (aspirina, ibuprofen, paracetamolo), farmaci che non nascondono un eventuale peggiorare dei sintomi, è spesso sufficiente a limitare i disturbi che come detto sopra non durano di solito oltre le 24-48 ore. Importante è comunque di non procedere con l’ascensione in caso di sintomi accertati di AMS, onde evitare l’aggravamento del quadro clinico.
Nei casi più intensi la discesa a quote inferiori può essere consigliata per la rapida scomparsa dei sintomi cui tipicamente si associa.
Restate in quota o scendete finché i sintomi non sono completamente scomparsi. Solo allora sarete acclimatati e potrete riprendere la salita.
Se avete sintomi di Mal di Montagna, NON SALITE ULTERIORMENTE.
Salire con i sintomi di AMS significa peggiorare e mettere a repentaglio la propria incolumità. La maggior parte dei casi di edema cerebrale sono conseguenza dell'aver violato questa regola. Antidolorifici (acido acetilsalicilico in primo luogo) e antiemetici sono solitamente in grado di controllare la cefalea ed il vomito che affliggono i soggetti suscettibili. Solo nei casi più gravi, quando si tema un peggioramento verso le forme più gravi, può trovare impiego la somministrazione di Acetazolamide (250 mg ogni 8-12 ore), l’unico farmaco di cui sia dimostrata l’efficacia nel trattamento di tutte le forme di mal di montagna. I cortisonici vengono anche talvolta usati per limitare l’entità dei sintomi.
La prevenzione dell`AMS è data principalmente dalla programmazione di ascensioni più graduali che prevedano soste di acclimatazione adeguate all’entità globale del dislivello e alla suscettibilità individuale. I farmaci sopraccitati possono essere impiegati anche nella prevenzione dell`AMS.
Un dilemma comune è quello posto dalla domanda se il mal di testa dipende dalla quota o da altro.
Se assumendo uno dei farmaci prima citati la cefalea scompare velocemente e completamente è molto difficile che il mal di testa sia dovuto alla quota.
Qualora insorgessero problemi più gravi, oltre alla discesa che resta comunque la soluzione ideale, si possono adottare diversi trattamenti, almeno per guadagnare tempo là dove una rapida discesa non sia possibile.
Lasciamo le scelte farmacologiche ai medici e ci soffermiamo su due strumenti di grande validità:−l'ossigeno −la sacca iperbarica.
L'ossigeno fa scomparire rapidamente i sintomi del mal di montagna con un flusso moderato (2-4 litri/minuto via
cannula nasale). Possono essere necessarie varie ore di trattamento, una durata insufficiente può causare un ritorno
aggravato dei sintomi. Il suo costo e la necessità di un minimo di addestramento lo rendono poco pratico e, là dove
disponibile, riservato ai casi più gravi di edema.
La sacca iperbarica portatile (sacca di Gamow) è una sacca stagna in grado di contenere una persona che viene portata
in pressione attraverso un pompa manuale. La persona al suo interno si trova a respirare in un'atmosferea pari a qualla
che troverebbe circa 1500/2000 metri più in basso. Due ore di trattamento sono il minimo per ottenere degli effetti ma a
volte possono essere richieste molte ore per portare la persona fuori pericolo.
E' comunque indispensabile scendere appena possibile.
Edema cerebrale d'Alta Quota ( HACE)
Il mal di montagna è un insieme di patologie, dalle forme più lievi a quelle che rappresentano una minaccia fatale.
All'estremo più pericoloso si trova l'Edema Cerebrale, in cui il cervello si gonfia e smette di funzionare a dovere.
L'HACE può svilupparsi molto rapidamente ed essere fatale in un arco di tempo che può andare dai due giorni alle
poche ore.
Le persone in condizioni di edema cerebrale sono spesso confuse e possono non riconoscere il fatto di essere ammalati.
La caratteristica saliente dell'edema cerebrale HACE è il modificarsi della capacità di pensare. Può esserci confusione,
cambi di comportamento o letargia, è presente anche una caratteristica perdita di coordinazione chiamata atassia.
E' uno stato molto simile a una fortissima sbronza.
Essendo la persona sospetta di HACE difficilmente in grado di percepire da solo il suo stato, è bene sottoporla a un
facile test.
Tracciate al suolo una linea diritta e fate camminare la persona lungo di essa in maniera che ponga i piedi uno davanti all'altro sulla linea (come sul filo). Se fa fatica a mantenere la linea, cade o addirittura non sta in piedi senza aiuto si deve presumere sia affetto da Edema Cerebrale da Alta Quota.
E' comunque indispensabile scendere appena possibile.
A meno di avere con se una sacca iperbarica e/o un medico attrezzato la discesa dovrà avvenire immediatamente (anche di notte) senza aspettare il mattino successivo. Si dovrà scendere possibilmente fino al luogo dove ha dormito due giorni prima, nell'incertezza o nell'impossibilità almeno 500 metri di dislivello, 1000 sono meglio.
Le persone colpite da HACE normalmente sopravivvono e guariscono completamente se scendono molto e in fretta.
Ricordate che la maggior parte dei casi di edema cerebrale si riscontrano in persone che hanno continuato a salire con sintomi di AMS.
Edema Polmonare d'Alta Quota (HAPE)
Un'altra forma di grave patologia d'alta quota è l'Edema Polmonare, o liquidi nei polmoni.
Sebbene sia spesso associato al Mal di Montagna Acuto(AMS) non ne è strettamente correlato e i classici sintomi AMS
possono essere assenti.
Segnali e sintomi dell'Edema Polmonare possono essere rappresentati da qualunque dei seguenti:
-estrema fatica
-difficoltà di respirazione a riposo
-respiro rapido e superficiale
-tosse, anche con secrezioni rosa o schiumose
-respiri gorgoglianti o rumorosi
-petto congestionato
-labbra o unghie blu o grigie
-sonnolenza
L'edema polmonare appare normalmente la seconda notte dopo una salita ed più frequente in persone giovani e
allenate.
E' comunque indispensabile scendere appena possibile.
A meno di avere con se una sacca iperbarica e/o un medico attrezzato la discesa dovrà avvenire immediatamente (anche
di notte) senza aspettare il mattino successivo. Si dovrà scendere possibilmente fino al luogo dove ha dormito due
giorni prima, nell'incertezza o nell'impossibilità almeno 500 metri di dislivello, 1000 sono meglio.
La persona ammalata deve essere trasportata, lo sforzo di camminare peggiora la situazione e spesso un edema
polmonare grave sviluppa anche un edema cerebrale.
Una volta scesi una quota sicura, un paio di giorni di riposo dovrebbero essere sufficienti per la ripresa. Se tutti i sintomi sono completamente scomparsi una cauta risalita è accettabile.
L'edema polmonare può esser confuso con altri problemi respiratori:-tosse da alta quota e bronchite sono entrambe caratterizzate da tosse persistente con o senza presenza di catarro.
In stato di riposo il respiro non è difficoltoso né si manifestano segni di spossatezza.
-polmonite, può essere difficile distinguerla dall'edema in base alla sintomatologia ma una volta scesi l'edema guarisce e la polmonite no. In ogni modo l'edema in quota è molto più comune della polmonite.
-Asma, può anch'essa essere confusa ma fortunatamente gli asmatici sembrano avere una condizione migliore in quota piuttosto che al livello del mare Il DIAMOX
L'acetazolamide (Diamox(r)) è un farmaco che forza i reni a secernere bicarbonato riacidificando il sangue.
Vengono così bilanciati gli effetti dell'iperventilazione che si innesca in alta quota nel tentativo di catturare più
ossigeno. Questa riacidificazione agisce da stimolante respiratorio, specialmente di notte, riducendo o eliminando
quella particolare respirazione periodica di cui abbiamo parlato prima.
Pur essendo un valido supporto nella cura del Mal di Montagna Acuto il suo uso ideale è di tipo preventivo, in quanto il
suo effetto principale è quello di accelerare l'acclimatazione.
Le persone allergiche ai sulfamidici dovrebbero astenersi dall'assumere il Diamox.
Il più comune degli effetti collaterali è una sensazione di formicolio o di vibrazione in mani, piedi e labbra, talvolta
variazioni nel senso del gusto. C'è inoltre da aspettarsi un certo effetto diuretico.
La dose di acetazolamide per la profilassi preventiva è 125-250 mg (a seconda del peso corporeo) due volte al giorno
iniziando 24 ore prima della salita e finendo due o tre notti dopo il raggiungimento della massima altezza o con la
discesa se qusta avviene prima.
Il Diamox non nasconde i sintomi del mal di montagna, infatti accelera l'acclimatazione e, quando questa viene
raggiunta, i sintomi scompaiono perché non hanno più motivo di esserci.
Il Diamox non protegge dal peggiorare dei sintomi durante la salita. Il Diamox non offre protezione contro il
peggiorare del mal di montagna già in atto.
Il Diamox previene il mal di montagna durante una salita rapida. Pur essendo consigliabile l'uso preventivo del Diamox in caso di una forzata esposizione rapida all'alta quota non si deve averne cieca fiducia, l'acetazolamide abbassa il rischio, non lo annulla.
Se si interrompe l'uso del Diamox i sintomi non peggiorano. Interrompendone l'uso l'acclimatazione rallenta al suo ritmo naturale. Se il mal di montagna è presente i sintomi ci metteranno più tempo a risolversi.
E chiaro che questo farmaco, come altri farmaci, dovranno necessariamente essere somministrati sotto controllo
medico, e pertanto ciascun alpinista, prima di organizzare un'escursione od una spedizione in alta quota,
dovrebbe parlare con il proprio medico curante per avere la tranquillità nell'assunzione, sia a livello preventivo
che curativo, dei farmaci in questione
.
Le regole d’oro
REGOLA D'ORO N°1
Se non vi sentite bene in quota, è mal di montagna
(a meno che non ci sia un'altra evidente spiegazione, come la diarrea).
REGOLA D'ORO N°2
Mai salire se si hanno sintomi di mal di montagna.
REGOLA D'ORO N°3
Se i sintomi peggiorano scendere immediatamente.

Source: http://www.dimensionemontagna.it/pdf/Mal_di_montagna.pdf

vernier.cz

Here is the general procedure to follow when using the Hand-Grip Heart Rate Monitor: Hand-Grip Heart Rate 1. Connect the Hand-Grip Heart Rate Monitor receiver to the interface. 2. Start the data-collection software. 3. The software will identify the Hand-Grip Heart Rate Monitor and load a default data-collection setup. You are now ready to collect data. (Order Code HGH-BTA) Data-Colle

406_2007_article_711-web 1.8

Rottraut Ille Æ Ju¨rgen Spona Æ Michaela Zickl Æ Peter Hofmann Æ Theresa LahousenNina Dittrich Æ Go¨tz Bertha Æ Karin Hasiba Æ Franz Alfons Mahnert Æ Hans-Peter Kapfhammer‘‘Add-On’’-therapy with an individualized preparation consistingof free amino acids for patients with a major depressionThe efficacy of a deficit oriented add-ontherapy with free amino acids in depressive pat

Copyright © 2010-2014 Find Medical Article